venerdì 29 marzo 2013

Basta parolacce!


ce l'han tutti con tutti
con Grillo, con Battiato, ce l'han con tutti (tranne che coll'impresentabile nanonostrum), sul fatto che si dicono troppe parolacce.
è vero, via, diciamolo pure, si dicono troppe parolacce.
al posto di troie poteva dire prostitute, al posto di puttanieri poteva dire frequentatori di prostitute, che ne so, cercare sinonimi e definizioni non offensive. la sostanza era la stessa, la vibrazione emotiva probabilmente no ma conta la sostanza.

è da tanto che ci penso: ce la posso fare, Io, prima di cercare la nota pagliuzza nell'occhio degli altri, a vivere senza dire parolacce? posso fare a meno della catarsi di una bestemmia liricamente espettorata? riesco ad evitare di mandare a fare in quarti posteriori certi personaggi? è possibile non dare del pezzo fecale ad uno che palesemente agisce in malafede? come definire uomini e donne che svendono la loro dignità per mero interesse privato pesantemente peculando su quello pubblico?

voglio provarci.
da oggi, in un momento di pasquale passione, solennemente dichiaro che: per una settimana, a partire da questo minuto secondo, non dirò più parolaccia alcuna, e se c'è un dio da qualche parte, quali che siano le sue sembianze in barba a quelle faunistiche da me sovente espresse, che mi dia un segno.

Robydixit

9 commenti:

  1. eheh... allora compenserò io per te, forte della convinzione (che traspare anche dal tuo ironico pezzo) che brutte non sono mai le parole, ma semmai le azioni, e le persone che le compiono. Per compensare il tuo fioretto, e per dissociarmi dalla moralistica pioggia di politically escrement che ha sommerso il povero Battiato, ecco il mio contributo di parolaccette: stronzi, cazzo, merda, cacca, troie, culo, culo, culo e vaffanculo! :-))))

    ciao grandissimo!

    RispondiElimina
  2. Solo per una settimana caro amico?
    E scegli la settimana santa?
    Troppo facile però..dai sii bonino..aumenta il periodo ed evita almeno le bestemmie per un pochino...
    E' tutta abitudine..
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Zio, sai che la penso come te eh, anche su Battiato et vicenda nota... la mia vuole essere una sfida, da non confondere coi fioretti che sono altro, e acciderbola se è difficile! stasera mi sono scappati 2 "peni" a mo' di congiunzione :)

    p.s.: scusate la moderazione attivata sui commenti, me l'ero dimenticata...

    RispondiElimina
  4. cara Nella, è una curiosa coincidenza quella con la settimana santa, o un caso di sincronicità? ai posteri... ad ogni modo, nessun fine auto-moralizzante, solo un bisogno di riappropriarmi del linguaggio, del suo controllo, le parolacce ho notato essere anche un modo facile d'esprimersi

    RispondiElimina
  5. Sulla facilità, e di conseguenza appiattimento e banalizzazione dell'esprimersi, devo, a sorpresa, darti ragione. Io sono per l'uso appropriato di tutto il vocabolario, comprese quando ci vogliono le cosiddette parolacce, ma a patto che il vocabolario, per l'appunto, ci sia TUTTO. L'altro giorno prima di me a tagliare i capelli c'era un imprenditorotto che ogni mezzo secondo sparava un cazzo, dei coglioni o un vaffanculo... Ci faceva una tale figura da poco intelligente che stavo per dirgli qualcosa io, l'amante dichiarato delle parolacce e delle bestemmie!
    Discorso diverso sono quei genitorozzi che ti sparano se dici mezza parolaccetta davanti ai loro marmocchi (che potrebbero insegnarne loro a te!) e poi li lasciano tutto il giorno a sguazzare nella pubblicità e nell'inferiorizzazione televisiva. Lì verrebbe voglia di insegnargli di nascosto qualche decina di nuove bestemmie, dios....

    RispondiElimina
  6. super Zio! è proprio così. in ultima analisi ogni parola sparata dando aria alla bocca, senza "salis", è sempre una parolaccia. un'astinenza per dare anche alle maleparole (come dicono i partenopi) il giusto valore e tornare ad usarle quando opportuno.
    mi sono anche reso conto che l'abuso, di c.d. parolacce come di altri termini o modi di dire, porta a farne uso involontario in tempi e luoghi dove non sono per niente consone e stonano come un credente sano di mente in Religiolus, e sai bene cosa intendo! :D

    RispondiElimina
  7. segnalo postumo, uscito oggi, questo interessante e breve articolo di Ilvo Diamanti su Repubblica: Lessico dei tempi feroci - Repubblica.it.
    io però non mi arrendo, e urlo il mio resitere resistere resistere!

    RispondiElimina
  8. Questo post è da incorniciare amico mio, sei un genio!!! Ma la fine della prima risposta dello zione mi ha fatto schiattare talmente tanto dalle risate, che ora, cazzo (ci vuole!), è un vero casino riuscire a smettere! Anche se, conoscendo Nick, si poteva immaginare che avrebbe risposto in questo modo eheheheheheheheh

    RispondiElimina
  9. caro amico, ti rispondo meglio nel post "sequel" ;)

    RispondiElimina