giovedì 9 dicembre 2010

38

Lupus Fabula


Erano sparite due pecore dall'ovile più importante, un'altra da quello vicino. Molto strano come furto, nessuna traccia, nessun abbaiare dei cani pastore, nessun belare. Vero che in quegli spazi assegnati si era limitrofi al Parco Nazionale, ma anche vero che di lupi, purtroppo e dicevano tutti Purtroppo persino i pastori (un amen non si nega mai, nemmeno al peggior nemico quando morto), quasi non se ne vedevano più, quei pochi che erano rimasti avevano una paura fottuta degli uomini, se ne stavano rintanati nei luoghi più inaccessibili. Possibile poi - si chiedevano - che un branco di lupi non lasci manco una traccia, una goccia di sangue per terra, un fiocco di pelo sparso?

Bisognava pensare quindi ad un furto operato da esseri umani e venne chiamata la Polizia. Il Tenente Cantapopolo non ci pensò più di 5 minuti, corse per un breve sopralluogo a scopo più politico che sostanziale, dato che Ravaiuolo, padrone dell'ovile derubato di due pecore, era un suo mezzo parente. - Dranquilli sigghiori meia - cantapopolò solenne ai ravaiuoli - non tragghino (essi) conclustioni affrettuose, ci'abbisognia prudenzia et intelighenzia. - Amava le conclusioni alla "oviddio". Convinse, citando persino i Veda e le orazioni a santarrosalia, in un furore d'ecumenico misticismo, che era opportuno coinvolgere al più presto la Forestale, tanto più che il Maresciallo Santospirito, noto ubriacone baciapile, era già stato da lui informato e s'era immediatamente attivato nemmanco fosse già a conoscenza della cosa.

Santospiritando l'intera guarnigione dei suoi centurioni, saggiamente divisa in manipoli, il maresciallo ignorò le indicazioni dei pastori, dirigendosi immediatamente fra boschi e sottoboschi alla ricerca dei ladri. Dopo la bellezza di 45 minuti primi di ricerche subito dei risultati: tre declivi più in là, dentro il parco partendo dall'ovile esso confinante, venne trovata la prima carcassa spolpata di pecora, poco oltre le altre 2 dopo soli ulteriori 15 minuti primi. Con la consulenza di un odontopatologo per la disamina dei morsi, fu presto evidente che tutto era opera di lupi. Stupore e sconcerto: Lupi?!? saranno degli zombie, da dove arrivano? - si chiesero - Qualcuno c'è sempre stato, non erano completamente estinti - rispose il maresciallo, che proseguì - Be', come dire, una bella notizia su una meno bella, via! E' morta qualche pecora, non è poi 'sta disgrazia biblica, ma abbiamo ritrovato i lupi e pare siano decisi a prosperare, evviva! - e fu giubilio quasi generale. I pastori un po' 'ncazzusi lo erano per la verità, però le promesse di Santospirito li placarono presto: pascoli protetti da recinzioni; maggior controllo degli stessi da parte dei suoi centurioni; ripopolamento degli animali da preda nel parco al fine di saziare i lupi (questa promessa fu ribadita a più riprese); interviste a giornali e tv ben retribuite con conseguenti inviti ai tolcsciò per lui, loro, i centurioni tutti ed anche il saggio Cantapopolo, ci mancheresse, sempre e rigorosamente a titolo oneroso.

Tutto andò secondo copione e non solo. Ci furono onori per il maresciallo ed il tenente, premi per i centurioni, finanziamenti a fondo perduto per i pastori, l'unesco dichiarò gli ovili abruzzesi patrimonio dell'umanità, il presidente della repubblica conferì la legion d'onore, il papa li nominò in ben 3 omelie, si vocifera che Ravaiuolo abbia visto la madonna, che una pecora abbia le stimmate e non si contano già i pellegrinaggi che stanno togliendo molti clienti a San Giovanni Rotondo e a Pietralcina, i cui sindaci pare facciano a gara a bestemmiare il calendario, sbraitano rosari di porchi e madonne insieme ai pii commercianti del rispettivi paesi per quanto avvenuto.

Io, che della vicenda son solo narratore, son pure a conoscenza di quel che non s'è visto, che niuno conosce e che, come sempre accade, è più vero di quel che appare! Leggete un po', in diversi luoghi, cos'è successo dopo il fatto e cosa si son detti...

Sede locale di Greenpeace
Raga', che idea fantastica abbiamo avuto - esordisce Trucciolo, riccio figliol di Ravaiuolo - a rubare le pecore di mi' padre e portarle nel bosco a quei poveri cristi lupi. Porcazzozza, se non facevamo qualcosa, quelli della sede de Roma mica ce facevano anna' alla manifestazione in India, pagati e spesati. Sempre a di' che non facciamo 'n cazzo, che ce grattamo li cojoni... tié, mo vojo vede' se ce possono lassa' a casa quel branco de papponi! - Ma poi 'sti lupi 'ndo cazzo stanno Tru'? - chiede Pusseo, brufoloso figliol di Cantapopolo - niuno li ha visti. - Ce stanno ce stanno, pochi ma ce so', volevi che se facevano sfuggi' certe prede belle fresche, zitte e immobili? Indiaaaa, arriviamo! - Conclude con un urlo di battaglia. Effettivamente le carcasse avevano tutte una corda, se non ancora al collo sempre lì vicino, ma curiosamente Santospirito e manipoli al seguito non si accorsero di nulla e quella usata per tappar le bocche, in puro budello di maiale, era bell'e che finita nelle panze dei predatori, fu un colpo di genio di Trucciolo.

Rifugio della Forestale, serata di festeggiamenti per pochi intimi
Santospirito è euforico - Cameratiiiiiiiii, finalmente avrem 'e che caccia', mannagg' a mort! So' dieci ann che vulimm spara' co' e doppiett e cca' manco 'o cazz e 'nu cunigl' se vere cchiù! Mo', cu 'sta pagliacciat 'e luparuoli ce facimm rign o'pparc d'ogn ben'e'ddie! Ahhh, bivìt bivìt, avvimm a fa' nu brindisi a chillu pipparuol 'e Trucciolo, o padr 'e iss me l'aviva ritt ca' chill tenev 'n cuorp e'gghi' in India, pensa sulu a viaggia', degli animal nun se ne fotte proprio... ma vafancuuuul! Non seguì alcuna replica, che altro c'era da dire?

Vicino al fuoco dell'ovile di Ravaiuolo, è lui che chiosa
Amici, v'avevo detto no, che dovevamo da' sta' calmi, che tanto 'sti lupi deficienti, altro che "intelligenti" comme ha detto quell'allampanato de Santospirito, se so' pijate le peggio pecore che c'avevamo e la cosa era strana, ho capito subbito che ce stava quarcheccosa de strano dietro. S'è mai sentito, dico io, che uno viene a rubba' delle pecore, lascia qquà quelle belle grasse che te fanno 'na botte de latte al giorno e se pijeno quelle secche come 'er legno? E i lupi poi, ma ddico, essù dai, mica so' così scemi. Li cani mia poi, quelle du' bestiacce de Geronnimo e Kocisse, secondo voi facevano passa' i lupi a 'sta maniera? Ci addoveva esse qualcosa sotto, e quanno è così bisogna sape' aspetta', vede' che succede, che la pizza è grossa e ce dev'esse da magna' pe' tutti, visto? Ora c'avemo li mejo pascoli, recintati e curati, la forestale nun ce rompe più li cojoni, che vole' deppiù? Poi, cosa sia realmente successo, poco importa. Convennero tutti, anche sul checcefrega checce'mporta.

Due pecore nell'ovile
E' stata una mossa fuvbissima Gina - dice Pina, la zabetta più diabolica - Te l'avevo detto, quando avevo visto il figlio del padvone venive in pevlustvazione, con quella faccia da pivla che fingeva indiffevenza. Quello covava qualche intvigo, si vedeva subito. - Sei un mito mia cava - risponde Gina a Pina - e finalmente ci siamo libevate di quelle due vompicoglioni di Bevta e Elviva, quelle due comuniste di mevda che ogni volta avevano da dive che il pvato migliove doveva esseve pev tutte e non solo pev le pvefevite, cioè noi due, ma povcatvoia, allova l'anzianità non conta più niente? - Pavole sante - ribadisce Pina - è bastato divgli che la seva savebbe avvivato Tvucciolo ad apvive il cancello in nome della libevtà delle pecove dal giogo dei pastovi e lovo due subito lì, hanno puve scondinzolato quando quello scemo le legava e le povtava nel bosco pensando fosse un piano pveciso, ma si può? che sceme, ahah! - E quell'altva imbvanata di Vobevta, dall'altvo ovile, è covsa dietro a Tvucciolo, a momenti si lega da sola! oddio, sto a cvepave dal videve...

Il branco di lupi nel bosco
Te l'avevo detto o no che era una trappola e che degli uomini non bisogna mai fidarsi? - dice maschio Beta ad Alfa - Taci!! - ruggisce Alfa - anzitutto metti la coda tra le gambe, pezzo di merda, quando mi rivolgi la parola, dove cazzo credi d'essere, ad una riunione di greenpeace? Erano 2 settimane che non si mangiava, manco le unghie c'erano rimaste, cosa volevi che facessimo? Alla fine tre pecore, anche se secche e smunte ce le siamo mangiate. Saran state comuniste, sicuramente, pur di non dar del latte al padrone stavano a dieta epperò facevano le lotte per dar da mangiare a tutte le altre parimenti, pensa che idiote!, ho sentito una che lo diceva all'altra prima d'azzannarla al collo. Capito perché ce le hanno regalate? - Già - riprende la parola Beta, dopo prona alzata di mano - ora però siamo chiusi col filo elettrificato su una collina, quel figlio di puttana di Santospirito ogni tanto fa qualche filmato per far vedere che siamo in tanti e son tutti contenti, ma le bestie con cui hanno rimpolpato il parco se le caccia tutte lui! - E' vero - sommessamente Alfa riprende il filo - dovevamo immaginarlo, anzi dovevo io, scusatemi tutti, ormai è fatta e cercheremo una soluzione. Che serva da monito ed esperienza per noi e per i nostri lupacchiotti in futuro, la morale è semplice: solo i poveri regalano cibo agli affamati mentre i ricchi e i furbi, in qualche modo, te la fan sempre pagare cara, mai dargli credito, mai!

- Postfazione -
Questo miniracconto è volutamente breve e semplice, poteva essere ben più lungo volendo, e spiego perché. Ieri mio figlio Francesco, 10 anni in 5° elementare, mi ha chiesto di aiutarlo per un compito che aveva. Consisteva nello scrivere un giallo partendo da 3 indizi, e chi li ha dovuti inventare questi indizi? Allora poi, nella nottata, mi sono divertito a farlo anch'io un racconto sugli stessi indizi: parco nazionale; pastori e greggi di pecore; lupi in estinzione.
Voglio farlo leggere anche a lui questo scritto, non potevo esagerare, i pezzi dialettali vedrò di tradurglieli. Ovviamente lo dedico al mio amato pargoletto, qui a dx vicino alla nostra cagnolina Nicky, dietro a sx invece c'è Leonardo, uno dei suoi 2 fratelli maggiori.



38 commenti:

  1. Evvai Roby!!! Voglio essere il primo a commentare, senza aver letto un cazzo, e anche stavolta in anticipo! Welcome back my friend! E mo' posso leggere :-)))

    RispondiElimina
  2. ahahah! nico sei troppo forte! :D
    dai, questo è molto più corto e meno impegnativo di Zappalà...
    oh, stasera vo' al cine, sto' per usci', curi te qua? ci conto ;-)

    RispondiElimina
  3. eheheh, contaci! poi ce racconti che te sei annato a vède (ti rispondo in romanesco). a dopo

    RispondiElimina
  4. Tornerò a leggere con la calma che i tuoi scritti sempre meritano, ma commento anche adesso per dirti di dare un bacio ai bimbi e una carezza a quel bellissimo cagnolino. :D

    (p.s. un piccolo record, ho visto adesso il carissimo amico nico, ti becchi per primi due commenti di due che non hanno ancora letto un cazzo, però prometto che torno davvero, e sai che le promesse le mantengo...)

    RispondiElimina
  5. ahahahah sei incredibile roby, quello che di son detti DOPO nei vari luoghi, con gli opportuni linguaggi, è un piccolo capolavoro! e fa riflettere tanto sui teatrini della politica attualmente in corso!
    però lo sapevo che doveva esserci per forza lo zampino di qualcuno per farti tornare a scrivere: FRANCESCO FOR PRESIDENT!!!!!
    gli faccio un regalo, se l'è meritato :-)
    un abbraccio, a presto

    ps. ho vigilato! finora, come ha giustamente notato lo zio, avevi ricevuto solo commenti da chi non aveva letto un cazzo...ma almeno si trattava di due grandi :) scherzi a parte, ora ho letto! ueh, alura, che te ga vist?

    RispondiElimina
  6. Mi aggiungo con gioia ai commenti di quelli che ancora non hanno letto un cazzo.
    Tornerò con più calma a leggere il tuo racconto.
    Ora passavo per un saluto e un bacio ai tuoi bimbi. :-)

    RispondiElimina
  7. ragazzi, mi avete fatto ridere che non potete credere! :D
    avere dei commenti sulla fiducia, con la costante "non ho letto un cazzo" è il massimmo, ahahah! merito dei bambini, lo ammetto, che sfrutto vigliaccamente per bieco marketting stile macdonalds...

    psssst, 2 chicche ve le meritate:
    a) mentre scrivo ho compiuto la bellezza di 45anni, sono nato nei primi minuti del 10 dicembre di un tot di tempo fa
    b) ho telefonato a francesco prima d'andare al cine, non sono tornato a casa, per dirgli che avevo fatto il suo stesso compitino: non stava nella pelle!

    RispondiElimina
  8. nico, guarda, sei veramente una persona fantastica, io purtroppo viaggio molto meno di te. se vieni a Milano e appena appena hai possibilità di avere qualche minuto libero dimmelo che ti raggiungo, te capi'? ;-)

    è una cosina semplice ma hai messo immediatamente a fuoco la seconda fonte d'ispirazione: la prima appunto il compito di franci, la seconda il doppiogiochismo che caratterizza i nostri tempi. oddio, dopo aver letto Machiavelli anni fa penso che caratterizzi la storia dell'umanità, diciamo che ultimamente nel nostro paesucolo è particolarmente cafone e spudorato? e diciamolo va'!

    @tutti: ovviamente francesco leggerà i vostri commenti, abbracci, baci, ecc..., non occorrerà riportare, e non temete per il linguaggio, lo sto mandando alla Camallo High School :)

    RispondiElimina
  9. ragazzi, leggete qua: http://it.paperblog.com/lupus-fabula-181204/ . Sono stato taggato con i seguenti argomenti: "I NOSTRI AMICI ANIMALI, SCIENZE", ahahah!
    troppo forte, non sto a segnalare la cosa, mi piace, in fondo non è nemmeno sbagliatissimo.

    RispondiElimina
  10. Uehhhhh!!! Buon compleanno amico mio! Le tue parole mi hanno commosso, davvero! Certo che mi faccio vivo quando verrò a Milano (capita di tanto in tanto)...mi piacerebbe anche un bel bicchiere di vino a tre con lo zio! Magari alla Trattoria Toscana da Aldo (non so se hai avuto occasione di leggere il post sui Padri di qualche giorno fa). Un abbraccio forte e ancora auguri compagno!

    RispondiElimina
  11. Rieccomi: letto d'un fiato e con piacere.
    Un piccolo capolavoro: storiella spassosa, intelligente, e con una morale tristemente vera!

    Per Francesco: ieri ho detto a papà di darti un bacino (se non te l'ha dato dimmelo che lo picchio...:D) Adesso dico a te di darne uno a lui per il suo compleanno! E mi raccomando: cresci bene, cioè imparando da LUI, perché hai la fortuna di avere un padre stupendo, come pochi ce ne sono.

    ehm... però dagli anche una bella tiratina d'orecchie, al babbo, perché a un certo punto (a meno che non sia un refuso o non l'abbia fatto apposta) ha scritto disanima invece di disamina... :-))

    RispondiElimina
  12. opporc... franci, nego tutto, leggi bene, non c'è scritto "disanima"... :P
    scherzo, grazie della dritta Nicola, mannaggggg che vergogna!!!!

    nico, considerati già impegnato con me per la cena e spero tanto anche con lo zio! se non sono in galera ci sono. certo che ho letto di quella trattoria... dai dai dai, ti aspetto. quando sai la data mandami una mail, c'è il link qui nel blog, e ci organizziamo. poi scriverò un testo "Io e i nicolas", ahahah!

    RispondiElimina
  13. dimenticavo zio, grazie dei complimenti, però mi raccomando, non farti mai remore a fare qualche appunto eh, questo blog è una palestra per me e tu sei tra i trainer ;-)

    RispondiElimina
  14. grazie Ernest! sei sempre gentile :)

    RispondiElimina
  15. Tanti auguri mitico!
    In ritardo ma con tanta e sincera stima!...

    RispondiElimina
  16. grazie Von, la stima poi lo sai che è reciproca :)

    ... non so perché, ma ho ancora la sensazione che persisti nello status di "non ho letto un cazzo", ahahah!

    RispondiElimina
  17. Esattamente!
    In questo periodo riesco solo a passare per un saluto veloce.
    Ma dieci minuti per leggere il tuo racconto li trovo prima o poi.
    Del resto,come diceva quel poeta del mio Bagnino,ora non ho nemmeno il tempo "per grattarmi le palle"!... :-D

    RispondiElimina
  18. Bellissima favolafiaba..io l'ho letta ieri, ma non mi andava di commentare un "cazzo" hahaha!
    Sai cosa mi ha colpito? Il dialogo tra i lupi.
    Italiano perfetto, senza alcuna inflessione dialettale..dizione quasi GASMANIANA heheh, mica come quell'altro BRANCO di idioti lì..gli ominiduncoli!

    Cos'è oggi?
    Il TUO COMPLEANNO?

    Tantissimitanti AUGURI ROBYYYYYYYYYYY!

    Heppibbirdei !

    ì ì ì ì ì ì ì ì ì ì ì ì ì ì ì ì ì ì ì ì ì ì ì ì ì ì ì ì ì ì ì ì ì ì ì ì ì ì ì ì ì ì ì ì ì

    Eccole, le 45 candeline..
    Esprimi un desiderio e soffiaci sopra..
    Ti auguro di cuore che si avveri :)

    Bacione :)

    RispondiElimina
  19. grazie Grace ! baci baci baci :****
    come si soffia per iscritto? pfuuuuuuuuuu!!! (forse...)

    eheh, tradisci la tua indole da maestra sai? giusta osservazione, i lupi sono il branco-non-branco, nel senso che poi loro, animali al vertice della catena alimentare, sono simbolo dei poveri, che invece sono al vertice della catena del reddito, perché si limitano a spendere e, contrariamente che nelle gerarchie aziendali, questi vertici, che sono l'ultimo elemento della catena, sono l'anello più debole di ogni sistema.

    RispondiElimina
  20. Roby sei bravissimo :) mi piace!

    RispondiElimina
  21. Finalmente non persisto più nello status "non ho letto un cazzo".
    Mi hai fatto divertire,Roby...è una storiella breve ma molto godibile.
    Ho apprezzato in particolare i diversi punti di vista sulla triste vicenda (il pezzo in dialetto della Forestale è fantastico!) e soprattutto il fatto che si racconti di un'esecuzione (le pecore legate in attesa di essere sbranate) senza alcun accenno a sangue e violenza.
    Le stesse pecore sono felici di essersi liberate delle colleghe comuniste e rompicoglioni.
    In più ho imparato una cosa nuova:che "gli ovili abruzzesi sono patrimonio dell'umanità"... :D

    RispondiElimina
  22. grande Von! l'hai letto a colazione? ahah!
    grazie per il tempo speso e le parole. questo tra le cose che ho scritto è forse il solo di pura fantasia, non ha la minima ispirazione da esperienze personali. come hai notato giustamente, niente splatter.

    RispondiElimina
  23. Ma che famiglia è? Bellissima! E a chi avrebbe potuto chiederli gli indizi se non a un appassionato di gialli, thriller, drammi, commedie? :)))) Il lupo mi piace assai… il mio primo libro è stato 'Zanna Bianca' e dopo ho riletto Cappuccetto rosso e tifavo pr il lupo, facendone una morale tutta personale. Cz, avrei dovuto fare la psichiatra! ;) scrivine più spessoooooooo

    RispondiElimina
  24. grazie petrolio! oddio, siamo una famiglia bella incasinata, ahah! però un po' di bordello stimola la fantasia, non trovi? una vita tranquilla ed agiata non è molto stimolante... ;-)

    qua non sono molto costante nelle scrittura, ma quando arriva l'idea giusta provvedo sempre :)

    RispondiElimina
  25. Anzitutto, complimenti per i bei ragazzi, già simpatici per come li vedo nella foto. E poi: grande racconto, grandi metafore, conchiusi con stile deciso ed efficace. C'é un aspetto buffo, mio personale, perché arrivo solo adesso a commentare: proprio questa mattina mio padre mi raccontava la storia vera di una lupa in un posto dove già 80 anni fa non ci dovevano più essere questi animali ...

    RispondiElimina
  26. grazie Adriano, sei sempre molto gentile.
    certe volte si creano delle coincidenze...

    io amo i cani da sempre e per i lupi ho proprio una venerazione, prima o poi uno scritto loro dedicato sarebbe dovuto saltar fuori

    RispondiElimina
  27. Ciao, ricambio gli auguri a te e famiglia. Buon Natale!
    :)

    RispondiElimina
  28. lupo ululà...castelo ululì..ciao robberto e che la maronna t'accompagni

    nun so checciazzecca...ma tutto si compendia e se m'impegno m'ingegno se mi alzo mi sbalzo e chi va con lo zoppo impara a zappare...la foto dei due cuccioli è bellerrima..peccato per quer ronzino cacatore

    con rispetto e venerazione vi bacio tutti ma di più il robidick che dopo le festa e sempre più mobidick <3

    RispondiElimina
  29. ecco, uno fa tanto per produrre kultura, e t'arriva il paulzozz e manda tutto in vakka... ahah!

    RispondiElimina
  30. oghei..oghei...sono in ritardo..non ho letto un cazzo anch'io e lo farò tra un po'...tanto sulla fiducia deve essere tutto ineccepibile,per forza...ora visto che sono passati duesecolid al post, ti faccio i miei post-auguri per i 45 anni ('mmazza che sei vecchio,però!!!)eehhehehe)....e visto che sono in anticipo sul 31 ti do un paio di schiaffazzi augurosi per tutto il 2011, a te , ai ragazzi a tua moglie e alla cagnolina....vi auguro tanta serenità...a te, come sempre, ripeto...due schiaffettazzi..;)

    RispondiElimina
  31. e so' vecchio sì, che te credevi? :D
    mi servivano proprio 2 chica-ceffoni, per ravvivare la pelle caduca delle guance, eheh...
    abbracciazzi e augurazzi per un 2011 pieno di mazzate (per gli altri) cara chica, ahah! ciao

    RispondiElimina
  32. Beh, che dire, assolutamente fantastico! ;)
    La discussione tra le pecore è forse quella che più ho apprezzato in assoluto. Alla lettura di "pecore comuniste" mi sono cappottato dalla sedia! AHAH! Grande davvero.. L'idea è davvero geniale.. Si dovrebbe farlo tutti il compito assegnato a tuo figlio. Se il giovane ha ereditato la tua capacità creativa, sarà un grande artista! ;)

    RispondiElimina
  33. speriamo sia pure meglio il giovane, un po' meno cazzaro del papà, ahah! ho scritto anche robe "serie", ma non voglio tediarti...

    ok, iniziazione reciproca "scribaiola" fatta, ora io passo alle tue foto, con molto piacere :)
    a te invece toccano i film (non miei, le rece), e qua vado più duro, una prova di forza, e scelgo questo: http://robydickfilms.blogspot.com/2010/08/salo-o-le-120-giornate-di-sodoma.html

    RispondiElimina