sabato 19 giugno 2010

15

entropiade

seietrenta sveglia, tutto come ieri? no tutto diverso, cosa è cambiato? il calzino è sempre lì dove l'ho lasciato, il posacenere pieno, ma la cenere dev'essere volata via, non la riprendo più, vorrei riprendere le cose ma non posso, vorrei fermare qualcosa ma non riesco, papà com'è che la vite del rubinetto si svita da sola? non lo so amore, si svita perché non vuole restare dove la metti. forse è così ma certo non è vero, devo liquidare la domanda il tempo stringe, il cane vuole scendere... solito percorso? sempre lo stesso, sembra tutto uguale ma non lo è, cosa è cambiato? i piedi non calpestano i passi di ieri, il cane muove la testa a destra e a manca con qualche differenza da ambo le parti, una variazione a volte impercettibile, sempre le stesse cose e mai un deja-vu, dov'è l'abitudine, la ripetizione? ciao papà, buona giornata! anche a voi ragazzi, ciao! il treno, è sempre lo stesso, non lo so, mai lo stesso orario, cambia sempre, anche solo un attimo, cambia, quel ciuffo d'erba sul bordo della traversina l'avevo notato ieri, è schiacciato, cosa l'ha schiacciato? non riesco a rispondere a niente, mi faccio una domanda ma la risposta non fa in tempo ad uscire dalla testa che già è sbagliata.

ottoetrenta s'inizia a lavorare, togli dalla tasca il badge, le sigarette, fazzoletti, telefono, posa la giacca, attacca la spina del pc, pizza il monitor, pizzo il computer, posa nel cassetto le chiavi, metti a posto la borsa, prepara il documento del lavoro, telefona, compila rapportino, note spese, controlla il foglio presenze. quanta roba in cinque minuti e mai gli stessi tempi, dimentico una cosa, una la faccio prima l'altra dopo, varia l'ordine e l'intensità, ieri dico dai!, domani provo a fare come oggi e domani non ci riesco, qualcosa sempre cambia, devo pensare troppo a farla come ieri, poi non ricordo ieri come ho fatto, che palle, ma soprattutto chemmefrega di fare come ieri? che importanza ha? a cosa allude questa voglia?

trediciesettantotto, un orario che non esiste, mi sono rotto oggi, parto, la testa è partita, esco e me ne vado in un giardino, fanculo il lavoro, ho quelle domande, devo rispondere. quell'ansia di rendere il futuro prevedibile, sapere cos'accadrà, ripetere gesti, azioni già compiute e pretendere che all'azione ripetuta ci sarà la reazione già vista. pretendere, pretese, l'azione non è ripetibile e già questo è causa di reazione unica, l'irripetibile che procura l'imprevedibile, cerco il centro della gravità impermanente? la permanente non c'è. ah non c'è? prova a lanciarti dal settimo piano di un palazzo e vedi se non c'è! certo, ma se mi lancio 2 volte cado 2 volte in modo diverso, a velocità diverse, basta un alito di vento e tutto è diverso.

sono un uomo comune allora cerco i punti fermi, quelli che quando non ho risposte mi ancorano alla vita terrena in qualche modo, risparmiano il mio cervello da pensieri astrusi, voglio la tranquillità, vita serena, riposo o anche frenesia, la prevedibilità, e niente, non ho punti fermi, non ci sono, acquisto ora la certezza dell'incertezza cronica, tutto si trasforma, i percorsi di ritorno non esistono, credi di sì ma quando torni arrivi in un punto che non è lo stesso. vorrei riprendere le cose, fermarle ma non posso, non sarei di questo mondo, vivrei in altre leggi.

la legge di questo universo è il disordine mai ordinabile, non ne vedo altre di assoluta, completa, infallibile applicabilità, la seguo inconsciamente da anni solo mancava di codificarla, la conosco da anni nell'enunciato solo mancava di riconoscerla. una fede forse può risolvere, ma la ragione si scontra, non c'è riscontro, non ce ne deve essere per definizione se no che fede è, che ci faccio? tempo perso, oggi ci credo, domani riprendo a riflettere e non ci credo più, tanto vale smettere e decidere al ribasso. credere in cosa? sempre la solita solfa, tentare di piazzare un punto fermo, mettere paletti, recintare la propria esistenza che non è limitata dai margini d'azione fisica che sarebbero sempre limitati. posso limitare i margini d'azione mentale? una tortura insensata, una mente che accetta le limitazioni non fa altro che accettare qualcosa che supera i propri limiti ché se fosse il contrario ogni regola di vita codificata, ogni grande domanda con una risposta preconfezionata, sarebbe inaccettabile.

che confusione, nel pieno della contraddizione di rifiutare statiche definizioni e di cercare di codificarne una. meglio guardare i fiori di Giulia che ringrazio, quelle splendide foto di bellezze effimere che non pretendono né esigono, li si ama e basta se si vuole, vita breve, sola speranza una vita che loro segue e perpetui. tutti belli, confesso che la foto che amo particolarmente è quella dei fiori alle radici dell'albero, secolarità e fragilità in una sola immagine, come la vita che amo, quella che guarda solo al futuro vivendo l'istante, col dovere di costruire qualcosa da tramandare e la ricerca di piaceri e di bellezza, per non perdersi nella noia.

Ciao Giulia, grazie ancora per le bellissime foto.


15 commenti:

  1. Grazie a te, Roby, grazie per la tua amicizia!

    RispondiElimina
  2. cara Giulia, ne sono onorato e spero di poterti conoscere di persona se ce ne sarà occasione.
    ciao

    RispondiElimina
  3. Tutto bello, tutto da chapeau, ma il primo paragrafo (non so se perché più ispirato o più cesellato) è addirittura vertiginoso e geniale!
    E belle davvero anche le foto di Giulia.
    Grazie a tutti e due!

    RispondiElimina
  4. Grazie Zio, sono d'accordo e ti spiego anche il perché. Volevo parlare dell'entropia solo in forma di racconto, ma poi il timore di scrivere un pezzo troppo lungo mi ha fatto deviare sul "filosofico" e lì ho chiesto aiuto ai fiori di Giulia. Esporre i grandi temi della vita solo raccontando storie richiede talento enorme e molto tempo, cose che mi mancano entrambe, posso solo continuamente provare il piacere di provarci.
    La meraviglia della grande letteratura, a mio parere, è proprio questa: ti racconto una storia e poi il suo significato, per quello che racconto e per come lo racconto, lo deduci da te, senza o quasi affermazioni dirette o enunciative.

    RispondiElimina
  5. E' un pezzo che fa riflettere parecchio. Credo sarebbe stato altrettanto bello anche se avessi seguito l'idea iniziale, ovvio poteva essere più indigesto per chi non ama leggere cose troppo lunghe... Le foto si adattano benissimo al testo e sono altrettanto belle. E bravo robydick!

    RispondiElimina
  6. Grazie rospo, i complimenti incoraggiano. :)
    Sto lavorando tra un film e l'altro a 2 pezzi lunghi cattivissimi, vedremo cosa ne viene fuori.

    RispondiElimina
  7. Bello davvero
    complimenti a tutti e due

    RispondiElimina
  8. Forse può mancarti il tempo, ma il talento no di certo. Bellissime le foto, ma non ne avevi bisogno del loro aiuto.
    A proposito, amo e apprezzo la tranquillità proprio perché ho conosciuto fino in fondo l'inquietudine.

    RispondiElimina
  9. l'ho conosciuta anch'io l'inquietudine, poi è un aspetto della vita sempre latente, soprattutto in chi non accetta la vita banalmente, in questo senso svolge anche una funzione positiva.
    grazie, sei sempre molto gentile.

    grazie anche a Ernest.

    RispondiElimina
  10. Quoto lo Zio:il primo paragrafo ha un ritmo vertiginoso...
    Se volevi mettermi in ansia e rendermi inquieto,sappi che ci sei riuscito perfettamente!
    Anche il secondo paragrafo è molto bello:mi piace dal punto di vista strettamente "linguistico".
    Azzeccatissime le foto...un grazie quindi anche a Giulia.
    Ps:attendo i pezzi "cattivissimi". ;-)

    RispondiElimina
  11. ciao Von! ecco, non volevo inquietarti, giuro :)
    pezzi cattivissimi... fra qualche giorno il primo

    RispondiElimina
  12. Devo dire che a me non ha dato questa inquietudine, il rpimo pezzo. O meglio: non mi ha disturbato per l'inquietudine. Ma il post è bello-bello, e le foto sono quasi tattili. Tu ormai lo sai, non posso respirare neppure senza musica; perciò ho letto il tuo post con una musica incidentalmente in sottofondo: è stato uno schiudersi. Il pezzo è quello che ho messo sul blog "Rock bottom riser" degli Smog. Provateci, credo ne valga la pena.
    Play, e poi lettura calma. Ottime sensazioni.

    RispondiElimina
  13. Lu, anzitutto grazie. avevo pensato ad un brano musicale, ma non ho la tua cultura a riguardo, la ricerca s'era fatta macchinosa. altre volte l'ho fatto, musica con testo, ma lì il brano era stato ispiratore di quello che avevo scritto, quindi testo nato dalla musica, mentre il processo inverso mi riesce più difficile.

    RispondiElimina
  14. leggo e quasi ti vedo, tu, il tuo cane, la tua cenere...non so se tanta sensibilità, che ci porta ad essere così cervellotici e a voler andare sempre fino in fondo, sia sempre un bene.
    poi ripenso a quando un tramonto mi fa venire la pelle d'oca o a quando un brano musicale mi scava nello stomaco e allora mi dico: si ne vale 100, 1000 volte la pena!!!
    bravo roby, bravo davvero, sei anche così tanto descrittivo che ti vedrei dietro una macchina da presa

    RispondiElimina
  15. l'essere cervellotici è il dubbio che attaglia sempre chi pensa: mi faccio troppe menate? :)
    grazie monica, sempre gentile.
    macchina da presa? per ora il Cinema lo studio, poi mai dire mai!

    RispondiElimina